[08.05.2017] Dal 3 al 6 maggio abbiamo svolto un corso di Media Training presso l’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum, a Roma.
Vi hanno preso parte una ventina di studenti e docenti delle facoltà di Bioetica, Filosofia e Teologia interessati ad acquisire ulteriori strumenti per riuscire a dialogare con la cultura contemporanea sui temi più divisivi, quelli sui quali Chiesa e società sembrano entrati in rotta di collisione: dall’eutanasia all’aborto, dall’obiezione di coscienza alla libertà religiosa agli abusi sui minori, non ci siamo risparmiati nessuna delle questioni nevralgiche sulle quali i cattolici sono chiamati in causa.
Abbiamo capito come parlare (facendoci ascoltare!) di bene comune a una società dominata dall’etica dell’autonomia e dall’individualismo.
Ci siamo esercitati a non temere le controversie ma a gettare ponti ai “lontani”, per realizzare l’imprescindibile cultura che sempre siamo chiamati a cercare in quanto cristiani: quella dell’incontro.
Abbiamo studiato come stare sui Mass e sui Social Media per una essere una presenza che dialoga, incoraggia e genera contenuti preziosi per tutti.
Abbiamo imparato a raccontare “l’altra storia” e a mostrare il grande “Si” che la Chiesa dice all’uomo, all’opposto del grande “No” che la società le fa dire.
Il corso prevedeva una parte teorica di introduzione al Reframing e all’approccio di CVI, ma anche diverse esercitazioni pratiche (poi passate al setaccio del feedback), che come sempre sono state molto utili per migliorare la comunicazione del proprio messaggio.